Parlando con voi

Paola Oldani

Una strana estate passata leggendo libri vintage

05092014162247_sm_8818

Dalla splendida e  trasgressiva Amstedam, alle dolci colline della mia Toscana e per finire il sole caldo ed il  magico cielo della Puglia . Vacanze bellissime ed indimenticabili. Viaggi sempre in compagnia di libri. Tutte riletture  in questa strana estate (metereologicamente parlando) . Ho iniziato con delle  pietre miliari del  romanzo italiano, i libri di Sveva Casati Modignani. Vaniglia e cioccolato e Come stelle cadenti. Poi sono passata ad un libro che amo in modo particolare perchè racconta anche un mio sogno. Sotto il sole della Toscana, di Frances Mayes. La ristrutturazione di una meravigliosa casa nella Toscana degli ulivi e delle cose belle. Lo consiglio per chi ama questa regione, per chi vorrebbe un luogo dove scappare quando tutto diventa troppo stretto.

 E cercando tra i libri della  mia personale, vintage libreria, nella  mansarda dei miei genitori, ne ho scovato uno che non ricordavo di aver letto. Ho iniziato a leggerlo anche un pò scettica, la copertina non mi attirava in modo particolare. La scrittrice sconosciuta. Ma  dopo le prime pagine ho capito di avere trovato un piccolo tesoro, coinvolgente, emozionante e ricco di buoni sentimenti. Edito da Sonzogno nel 2002.

Cornovaglia. La grande tenuta di fronte alla chiesetta che domina la scogliera ospita da tre generazioni la famiglia Tremain. Fred, il medico del villaggio ormai in pensione, ha scelto di viviere qui, in questo piccolo e tranquillo angolo d’Inghilterra, con la moglie Martha, la donna con cui da sessant’anni divide la vita e che ama profondamente dal momento in cui gli apparve a Auschwitz, allo stremo delle forze, quasi sepolta sotto un mucchio di cadaveri. E da quel giorno Fred ha giurato di non lasciarla mai più sola e di proteggerla dai ricordi ‘

Incipit ‘ La musica del mare‘ di Sara MacDonald ‘

Un altro libro che vi consiglio assolutamente.

Amo le parole,  amo leggere. Non importa se si tratta di  un nuovo libro profumato di inchiostro e di carta o di un  e-book o  un vecchio libro  ritrovato  polveroso.  L’importante è sapere che nei momenti di pausa, di sconforto, di nostalgia o  di tristezza c’è sempre un libro,  che paziente mi aspetta.

Alla prossima.

7 settembre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Paola Oldani

Nata a Milano, con un pò di sangue toscano nelle vene, che non guasta. Sposata con 2 pargoli in età adolescenziale … Pubblicitaria non per scelta, ma è stata la mia vita per quasi 20 anni, concessionarie di pubblicità e agenzie di comunicazioni … Poi un giorno ho detto basta!!! E da pubblicitaria sono diventata una mamma a tempo pienissimo, poi il passo è stato breve,da mamma a blogger con www.echemammasia.blogspot.com … e da sempre scrittrice compulsiva. Scrivo racconti che parlano d’amore, di amicizia, pensieri, poesie, fiabe … Scrivo su quaderni, sulle Moleskine (anche per darmi un tono) … su pezzi di carta, su scontrini del supermercato … ora sul mio blog. Per vivere decentemente devo scrivere penso, anzi ne sono sicura, se non scrivessi minaccerei la mia salute mentale … e quella di chi mi sta intorno.

Utenti online