Parlando con voi

Paola Oldani

Musica e parole, in una Casa molto speciale

25112013113450_sm_5694

Ma che piacere … che emozione, il primo post del blog di Libreriamo. Onorata. In questa pagina voglio raccontarvi di una presentazione particolare e fantastica, alla quale ho assistito qualche settimana fa. Il libro in presentazione Parlo d’amor con me di Paola Calvetti, location la Casa di riposo voluta da Giuseppe Verdi a Milano.

Premetto, anche se non servirebbe visto che sono qui con voi, che vivo in totale dipendenza dai libri. Non posso fare a meno di leggere, di andare in pellegrinaggio nelle librerie, di circondarmi di libri.

Per puro caso scopro Parlo d’amor con me, inizio a leggerlo ed il mio cuore si apre, un fiume di ricordi mi travolge, le opere liriche, quel mondo così magico, unico pieno d’amore, passione, emozioni, tragedie ritorna a far parte di me. Lo avevo abbandonato per tanti anni, il motivo? Non lo so ma non importa ora ci sono ritornata e mi sento perfettamente a mio agio.

Arrivo alla presentazione con la mia piccola di casa, Beatrice, una pianista innamorata della musica. Entriamo nella Casa di Verdi e subito la voce struggente di una studentessa ci accoglie. Brividi puri. Prendiamo posto nella sala (la più bella ed importante della Casa) e subito veniamo circondate da persone favolose, gli abitanti della Casa, soprani, tenori, pianisti…

Veniamo catapultate in un’altro mondo, tutte quante loro e tutti loro sono magnifici, si percepisce che hanno vissuto e vivono tutt’ora sempre in attesa di applausi, sempre in scena. Paola Calvetti ci racconta del libro, del perchè ha voluto scriverlo ambientandolo all’interno di questo luogo quasi sacro. Ci parla dei personaggi del libro, uomini e donne straordinari che vivono nella Casa. L’emozione va crescendo ed esplode quando Paola invita tre splendidi artisti ad esibirsi. Non credo riuscirò a trovare parole per descrivere quello che io e Beatrice abbiamo provato ascoltandoli.  

Giuseppe Verdi disse di questa Casa ‘ Delle mie opere, quella che mi piace di più è la Casa che ho fatto costruire a Milano per accogliervi i vecchi artisti di canto non favoriti dalla fortuna, o che non possedettero da giovani la virtù del risparmio … Poveri e cari compagni della mia via!’

Grazie mia ‘omonima, mamma e amica’ Paola Calvetti grazie per  avermi fatto riscoprire la musica, grazie per aver scritto Parlo d’amor con me  e soprattutto  grazie per avermi portato all’interno di una Casa così speciale.

26 novembre 2013

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Paola Oldani

Nata a Milano, con un pò di sangue toscano nelle vene, che non guasta. Sposata con 2 pargoli in età adolescenziale … Pubblicitaria non per scelta, ma è stata la mia vita per quasi 20 anni, concessionarie di pubblicità e agenzie di comunicazioni … Poi un giorno ho detto basta!!! E da pubblicitaria sono diventata una mamma a tempo pienissimo, poi il passo è stato breve,da mamma a blogger con www.echemammasia.blogspot.com … e da sempre scrittrice compulsiva. Scrivo racconti che parlano d’amore, di amicizia, pensieri, poesie, fiabe … Scrivo su quaderni, sulle Moleskine (anche per darmi un tono) … su pezzi di carta, su scontrini del supermercato … ora sul mio blog. Per vivere decentemente devo scrivere penso, anzi ne sono sicura, se non scrivessi minaccerei la mia salute mentale … e quella di chi mi sta intorno.

Utenti online